venerdì , 24 febbraio 2017
Ultime notizie
HomeAttualitàGli italiani a Londra
Gli italiani a Londra

Gli italiani a Londra

Negli ultimi anni è aumentata sempre di più la presenza dei cittadini italiani, soprattutto giovani dai 18 ai 30 anni, che hanno abbandonato l’ Italia per cercare fortune a Londra.

Perchè i giovani italiani emigrano a Londra

Inutile nascondersi dietro un dito l’ Italia è una nazione in piena crisi in cui i giovani laureati non hanno un futuro , vista la grandissima difficoltà nel trovare un lavoro soddisfacente dal punto di vista economico non riuscendo a mantenersi viste le spese elevatissime di affitti e dei mezzi di trasporto italiani che risultano molto fatiscenti.

Questa è senza dubbio il motivo principale che porta i ragazzi a Londra, dove è vero che magari gli affitti possono essere più alti ma il tutto è rapportato allo stipendio londinese che risulta essere dignitoso per vivere e inoltre i ragazzi italiani che fanno i camerieri guadagnano molto anche grazie alle laute mance.

Anche gli spostamenti con i mezzi sono molto meglio a Londra, ad esempio è molto difficile trovare treni in ritardo e metro strapiene e anche servizi come il bike sharing, l’ affitto di biciclette con tutti gli accessori mtb è funzionale, quando ad esempio a Roma è ancora in fase embrionale.

Un altro motivo di questa continua fuga di giovani dall’ Italia allo volta di Londra è dovuto al fatto che nel nostro paese c è scarsa conoscenza di lingua inglese, soprattutto per gli insegnamenti non proprio perfetti dati a scuola e in una società multiculturale il saper parlare bene l’ inglese è fondamentale in ambito lavorativo.

Svantaggi per gli italiani a Londra

L’ emigrare in un altro stato non è sempre tutto rose e fuori e per vivere in una città come Londra, bisogna esserebravi e capaci ad adattarsi perchè chiaramente ci sono molte difficoltà, che portano molti ragazzi in breve tempo a fare retromarcia e tornare in Italia.

Il principale svantaggio per un italiano che si trasferisce a Londra è abituaursi al clima cupo di Londra, infatti molto probabile che a Londra la pioggia diventi una fedele compagna delle vostre giornate e il sole e le spiagge italiane possono diventare un sogno ricorrente.

Un altro svantaggio è quello dell’abitudine a ritmi inglesi, che sono molto più frenetici e stretti rispetto a quelli a cui è abituato un italiano e bisogna abituarsi il prima possibile a certi ritmi per non crollare.

Il problema principale per gli italiani, abituati per carattere ad essere amiconi e a conoscere più gente possibile si scontra con la cultura inglese molto più chiusa e questo porta a non riuscire ad instaurare delle relazioni sociali durature.

 

 

 

 

 

Un commento

  1. f.gasparini@outlook.com'

    La cultura dell’apparire è tipica dell’italiano medio. Spesso facciamo il passo più lungo della gamba vivendo di illusioni e di sogni, ma è risaputo che i sogni sono finiti verso il finire degli anni 90.
    Londra non è più quell’eldorado caratterizzato dal trovare lavoro il giorno dopo senza nessuna base di inglese, anzi, adesso anche per fare il lavapiatti devi avere una minima base di comprensione e parlato, essendo che si ha a che fare con colleghi da tutto il mondo.
    Se va bene lavoro lo trovi dopo 2 settimane, anche perché il National Insurance Number lo ottieni dopo 3 settimane da quando hai chiamato il Job Center.
    Altro errore tipicamente italiano, la base economica con cui iniziare, spesso partono con pochi soldi (so di gente che è partita con 500 €) e che ha dovuto farsi mandare i soldi per tornare in Italia perché con quei soldi se va bene campi una settimana, tra affitto, trasporti e mangiare (e bevute al pub).
    Ormai si tende ad andare a Londra solo per dire che si vive in una metropoli importante, un può come dire di avere l’iPhone, chissenefrega se hai fatto il finanziamento per averlo ma è solo per puro esibizionismo.
    Se proprio volete trasferirvi in UK, puntate su piccole realtà come Liverpool o Manchester (perché no anche Glasgow), almeno capite a fondo la cultura e il come si vive, poi casomai puntate Londra, dove si è come pulcini in batterie e la concorrenza è spietata.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>