domenica , 21 ottobre 2018
Ultime notizie
HomeEconomiaValute, Bitcoin e volatilità
Valute, Bitcoin e volatilità

Valute, Bitcoin e volatilità

Questo articolo, vuole cominciare con una domanda per mettere un po’ di chiarezza su un tema spesso sottovalutato o poco spiegato.

La domanda a cui ogni investitore dovrebbe sapere rispondere è cosa è la volatilità? Ogni qualvolta si sente parlare di volatilità, si sente un connotato negativo e tendenzialmente si vorrebbe eliminare o ridurre la volatilità il più possibile.

Tuttavia, in una situazione ideale in cui tutti sanno tutto e non esiste volatilità, i prezzi delle azioni nei mercati azionari includerebbero tutte le possibili variazioni e di conseguenza non vi sarebbe alcuna volatilità né alcuna possibilità di guadagno o perdita. Di fatto, i mercati sarebbero piatti.

Volatilità e valute

L’esempio appena fatto non può che essere irrealistico ed estremo, ma può essere funzionale per capire come funzioni la volatilità e perché non si possa fare a meno di essa. In effetti, alla domanda: cosa è la volatilità? Ogni trader dovrebbe illuminarsi poiché in ogni mercato esiste una certa volatilità e ogni strumento finanziario presenta una certa volatilità ed un certo rischio associato ad essa. Lo stesso si può dire delle valute e specialmente delle cripto-valute che recentemente sembrano sempre più presenti sui media e sugli articoli che trattano di trading.

trading

Se ora possiamo rispondere alla domanda: cosa è la volatilità? vogliamo anche sapere da cosa viene influenzata. Essenzialmente, la volatilità è data dall’incapacità di prevedere il futuro. Questa risposta, che può sembrare semplice include moltissime variabili, dalla situazione politica di un Paese, alla situazione economica. Variabili naturali come alluvioni o altri disastri naturali influenzano la volatilità e situazioni di conflitto posso avere effetti controversi sulla stessa.

Infine, il fattore umano ha un’importanza fondamentale sulla volatilità e un recente esempio è dato dalla volatilità dei Bitcoin. Questa valuta virtuale ha subito oscillazioni positive che ne hanno incrementato il valore in maniera pressoché esponenziale in pochissimo tempo. Tuttavia, l’effetto opposto, ossia un decremento del valore altrettanto rapido si è verificato recentemente.

Non solo cripto valute

image002
Non solo le cripto valute sono influenzate dalla volatilità. Ogni valuta nello scambio con un’altra valuta viene influenzata dalla volatilità reciproca. Essenzialmente, invece di chiedersi: cosa è la volatilità? la domanda diventa che cosa potrò comprare con l’altra valuta?

Tendenzialmente, le valute presentano una volatilità inferiore rispetto a quanto si è visto per i Bitcoin ma questo non e; necessariamente sempre vero.

Un classico esempio potrebbe essere il marco tedesco, una valuta utilizzata in Germania, che durante il periodo della grande guerra e a cavallo tra le due guerre mondiali ha subito un fenomeno detto iperinflazione. Poiché’ lo stato, per diversi motivi, continuava a stampare moneta, il livello dei prezzi è raddoppiato nell’arco di pochi anni.

Ciò significa che a parità di dollari si potevano ottenere più marchi tedeschi che avevano un potere d’acquisto molto basso.

Conseguenze della volatilità

Come si può intuire la volatilità ha delle conseguenze su tutti gli strumenti finanziari e in genere aumenta le oscillazioni di valore degli strumenti stessi, siano essi azioni, valute, ETF o indici. D’altro canto, senza alcuna volatilità o rischio, non ci sarebbe la possibilità di investire e di operare in borsa, di conseguenza la volatilità dovrebbe essere ritenuta rischiosa ma essenziale.

Le informazioni pubblicate su questo articolo hanno finalità informativa, e/o pubblicitaria/promozionale e non sono in alcun modo da intendersi né come consulenza né come sollecitamento all’investimento.

Le attività di trading comportano un alto livello di rischio e non sono adeguate a tutti gli investitori.

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>