domenica , 23 settembre 2018
Ultime notizie
HomeNewsFunerali, i diversi tipi di sepoltura
Funerali, i diversi tipi di sepoltura

Funerali, i diversi tipi di sepoltura

Non è semplice parlare di funerali, poiché si tratta sempre di questioni delicate e dolorose. In particolare, decidere il tipo di sepoltura è molto difficile e triste. Nel momento in cui viene a mancare un nostro caro, infatti, chi muore trova una degna sepoltura all’interno del cimitero del comune di residenza, a meno che non decidiamo magari diversamente. Un caso, infatti, può essere quello in cui si opta per far tornare la salma nel suo paese di origine e quindi si sceglie di seppellire il defunto in un cimitero differente, inoltrando una domanda specifica. Esistono diversi tipi di sepoltura, vediamoli assieme.

Funerali, dall’inumazione alla tumulazione

Quando parliamo di inumazione, facciamo riferimento alla sepoltura più tradizionale, ovvero alla sistemazione della salma all’interno del cimitero per 10 anni. La tumulazione invece prevede il collocamento del feretro o all’interno di una nicchia del cimitero o nella tomba di famiglia. Tuttavia la tumulazione a Roma può anche prevedere la sistemazione della salma in una cella cineraria anche dopo la cremazione, tra i servizi offerti dall’impresa Verano Servizi. Infine, se non si vogliono tumulare le ceneri, queste ultime possono essere conservate anche in altri luoghi, secondo la normativa vigente.

Le questioni burocratiche della sepoltura

Come in ogni disposizione italiana, anche per la sepoltura occorre seguire uno specifico iter burocratico e provvedere alla presentazione di documenti ad hoc con cui si richiede, appunto, di seppellire la salma o di procedere alla cremazione. La richiesta deve essere fatta dai familiari o dall’impresa funebre con apposita delega. Nel caso in cui, invece, si opta per la sepoltura all’interno della tomba di famiglia occorre il via libera del concessionario e la tumulazione viene eseguita dall’impresa privata incaricata. Se, invece, si sceglie la sepoltura nei colombari o nelle nicchie cimiteriali del Comune, si stipula un vero e proprio contratto che dura 40 anni rinnovabile una sola volta. All’interno del cimitero possono essere conservate anche le ossa. Di solito, all’interno di ogni cimitero comunale, ci sono anche delle zone dedicate alla sepoltura per chi non è di religione cattolica.

Cos’è la cremazione

Negli ultimi tempi in molti casi si opta per la cremazione, ovvero quel procedimento attraverso cui la salma viene incenerita tramite un impianto ad hoc. In genere si opta per la cremazione su precisa disposizione del defunto all’interno del suo testamento. Dopo aver cremato il corpo, le ceneri possono essere conservate all’interno degli appositi spazi cimiteriali del Comune o anche custodite presso la propria casa.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>