Davide Scabin, quanto si spendeva al Combal.zero prima che perdesse la Stella Michelin: cifre inimmaginabili

Davide Scabin, quanto si spendeva al Combal.zero prima che perdesse la Stella Michelin? La cifra è inimmaginabile…

Da quando ha fatto irruzione nello studio di “MasterChef” non si fa che parlare di lui e della ventata di novità apportata dal suo stile culinario nell’ambiente dell’enogastronomia. Davide Scabin, chef classe 1965, si è distinto nel settore come volto del ristorante Combal.zero.

Combal.zero Davide Scabin
Combal.zero, Davide Scabin (FF Web) – FFWebMagazine.it

Il suo locale, situato all’interno del Castello di Rivoli, è stato a lungo una delle mete predilette dagli amanti di una cucina che fosse avanguardistica e che, allo stesso tempo, presentasse radici ben impiantate nella tradizione. La chiusura del ristorante – che negli anni era passato da 2 ad 1 stella Michelin – ha rappresentato una vera e propria doccia fredda nel panorama degli “stellati”.

Combal.zero: il ristorante che ha reso celebre lo chef Davide Scabin

La chiusura del Combal.zero è sopraggiunta nel marzo 2020, a seguito delle restrizioni imposte dall’allora premier Giuseppe Conte in materia di Covid. “Per responsabilità sulla situazione sanitaria generale e dei miei collaboratori ho deciso di chiudere i ristoranti […]“: queste le parole che Davide Scabin, all’incirca tre anni fa, adoperò per spiegare la propria scelta ai suoi sostenitori.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Davide Scabin (@davidescabin.zero)

Eppure, il locale situato nel Castello di Rivoli era stato uno dei simboli dell’avanguardia culinaria in Italia. Lo chef, con il suo estro ed il suo indiscutibile talento, vi aveva proposto preparazioni che, nel corso degli anni, gli avevano permesso di guadagnare ben due stelle Michelin.

Se siete curiosi di sapere quanto costasse il menu degustazione di Scabin, il resoconto fornito dalla giornalista Isabella Scuderi per il magazine Scatti di Gusto vi fornirà tutte le informazioni necessarie. Da uno chef come il super ospite di “MasterChef”, d’altra parte, non ci saremmo dovuti aspettare prezzi inferiori.

Davide Scabin: quanto si spendeva al Combal.zero prima che perdesse la Stella Michelin

Il resoconto della giornalista Isabella Scuderi risale al dicembre 2015 (solamente pochi giorni prima che il Combal.zero perdesse una delle sue due stelle Michelin). Il menu che lo chef propose alla sua ospite, intitolato “Combal.ZeroUp&Down”, si componeva di una lunga serie di portate rappresentanti la sezione innovativa e avanguardistica della cucina di Scabin. Per delle preparazioni di quel livello, la giornalista si ritrovò a pagare la “modica” cifra di 200 euro.

Come successivamente spiegato dalla Scuderi, tuttavia, il locale dello chef si adoperava per soddisfare anche gli amanti della tradizione. Il menu basato sui piatti tradizionali della cucina italiana, infatti, era disponibile ad un prezzo di soli 130€.

Davide Scabin ristorante
Davide Scabin (Ansa) – FFWebMagazine.it

Senza ombra di dubbio, un locale con ben 2 stelle Michelin avrebbe potuto imporre delle cifre nettamente più elevate rispetto a quelle fissate da Scabin. Un’epoca d’oro della cucina italiana, quella rappresentata dal Combal.zero, che tutt’oggi rimane un modello ed una continua fonte di ispirazione per le nuove leve dell’enogastronomia del Bel Paese.